È dotata di azionamento elettrico della vite di plastificazione.

Il circuito oleodinamico utilizza un innovativo sistema di accumulatori, per la gestione dei movimenti.

In comune con la TES, la TEF prevede un'ampia modularità tra i gruppi di chiusura e i gruppi di iniezione, così da permettere di dimensionare la pressa in funzione dei particolari da stampare.

Controllo elettronico “e-ONE” con interfaccia touch screen da 15", ad accesso guidato e facilitato.

 

  • x

     
  • Skills

    • Bassi consumi.
    • Alta redditività.
    •  Sistema di traslazione della vite di iniezione di tipo monocilindrico.
    • Movimento struttura del gruppo su doppia guida prismatica.
    • Elevate risposte dinamiche e precisione di movimento.
    • proporzionale della portata del fluido di movimento.
    • Cambio rapido del cilindro di plastificazione.
    • Sistema idraulico per la rotazione laterale del gruppo per facilitarne le operazioni di manutenzione.
    • Pressione specifica sul materiale da 1500 a 2500 bar.
    • Azionamento elettrico rotazione vite di plastificazione con motore comandato da inverter.
    • Controllo temperature zone con sistema PID.
    • Raffreddamento a liquido della zona di alimentazione materiale.
    • Vite di plastificazione con miscelatore.
    • Resistenze ceramiche.
    • Ugello a chiusura comandata.
    • Gruppo pompa a singolo stadio con pompa ad ingranaggi per la ricarica degli accumulatori.
    • Centrale motore-pompa su smorzatori di vibrazione.
    • L’ottimizzazione dell'algoritmo del controllo della portata e pressione dell'olio.
    • Sistema autonomo di filtraggio e raffreddamento automatico e continuo dell' olio idraulico.
    • Vasca olio a tenuta per limitare l’inquinamento dell’olio da agenti esterni.
    • Pannelli insonorizzati di copertura della centrale idraulica per limitare l’inquinamento acustico.
    • Elevata efficienza e silenziosità.
    • Ridotti consumi energetici.
    • Doppia ginocchiera a cinque punti con perni in acciaio nitrurato e boccole in acciaio al cromo temprato.
    • Piani in fusione monoblocco di ghisa, cave a T per il fissaggio stampo.
    • Colonne in acciaio ad alta resistenza con riporto di cromo ad elevato spessore e rettificate.
    • Dispositivi anti inquinamento della zona di caduta pezzi.
    • Monitoraggio continuo della pressione e del livello dell’olio di lubrificazione.
    • Estrattore centrale a piastra con stelo pistone cavo.
    • Piastra di estrazione con forature filettate.
    • Controllo e gestione estrattore centrale multicolpo.
    • Sovrapposizione movimento apertura stampo/estrattore/Martinetti Stampo/vite.
    • Cancello di protezione anteriore ad azionamento elettrico motorizzato con gestione inverter.